La grafica internazionale nel cuore della Basilicata


La scoperta

 

Novembre 2019.

Con la mia piccola Toyota inizio la scalata tra i boschi per raggiungere questo paesino della provincia di Potenza, Castronuovo di Sant’ Andrea.

“Cavolo! In Basilicata abbiamo un museo internazionale di grafica e non ne sapevo nulla. Devo visitarlo!”

Così, con addosso l’adrenalina della scoperta e della curiosità e la “paura” di una strada per me nuova e piena di tornanti, parto all’avventura.

Ho contattato prima il museo per essere sicura dell’ apertura. Mi aspettano.

La strada avanza verso il cielo, sempre più su. A 650 m sul livello del mare.

Le prime case; un passante che mi consiglia di parcheggiare e proseguire a piedi. L’aria è fredda, ma secca: pura aria di montagna; respiro. L’atmosfera è ovattata, quasi irreale, di un bianco lattiginoso.

C’ è silenzio.

Benvenuti!


Delle targhe di marmo su un muro: omaggio a cittadini distinti e “cantori” del loco.

Sono i muri della sede della Pro Loco: un uomo sulla settantina ci accoglie con un sorriso, con tutte le indicazioni per non perderci nelle straducole asimmetriche del borgo antico.

È presto. Mi godo il paesaggio. Ho l’impressione di essere in un posto sacro all’aperto. Parlo a bassa voce. Lo squillo del mio cellulare squarcia la quiete. Metto il silenzioso: un’occasione unica e totale di non essere rintracciata.

Il MIG


Ovvero la Biblioteca

 

Le 17.

La signora Maria Grazia Guacci, custode del polo museale, esce da casa e ci raggiunge. È la mamma della Cultura castronuovese.

Il MIG è stato inaugurato nel 2011, voluto dal critico e storico dell’ arte, nonché editore delle Edizioni d’arte Della Cometa, Giuseppe Appella.

È situato nel vecchio Palazzo del Municipio. Un posto piccolo – tre stanze – in attesa di ricollocazione, ci dice il nostro cicerone, ché non più sufficiente ad accogliere le opere di grafica e i volumi della biblioteca “A. Appella” che nel frattempo sono cresciuti di numero grazie alle tante donazioni (segnalo quella degli eredi Pirandello-D’ Amico).

Mi perdo tra le grafiche astratte esposte alle pareti, i piccoli libricini delle Edizioni Della Cometa, dedicati ad artisti, e quelli del primo Novecento dell’editore Vanni Scheiwiller, edizioni d’ arte e letteratura a tiratura limitata.

 

e …

 

Il MIG-Biblioteca è posizionato un po’ esterno alla piazzetta G. Marconi, dove, assieme ad una chiesa, in cui stanno allestendo un enorme presepe, vi è l’ Atelier “Guido Strazza”, il cui segno-ragnatela è stato scelto come logo del Museo.

La signora è orgogliosissima di farcelo visitare e ha ben ragione: il famoso artista novecentesco toscano ha donato in toto il suo studio calcografico, con tanto di torchio e volumi di consultazione, permettendo l’organizzazione di corsi di didattica rivolti alle scolaresche e agli appassionati, tenuti da artisti di rilievo, italiani e stranieri.

Ancora una chicca

 

Senza accorgercene il tempo è volato, ma Castronuovo ci riserva ancora delle sorprese.

Usciamo e Maria Grazia va a prendere un enorme mazzo di vecchie enormi chiavi e si avvia per i vicoli invitandoci a tenere il passo.

Il sole è calato, le luci pubbliche sono accese e incontriamo qualche abitante che ci saluta.

La nostra guida inizia ad aprire delle piccole porticine: dietro ognuna è stato allestito un presepe d’artista.

La sorpresa è tanta. Ce n’ è per tutti i gusti, di svariate dimensioni e materiali; non tutti ortodossi e molti che vanno al di là del significato prettamente religioso. Ad esempio, uno è fatto di cemento, col piccolo neonato solo al centro: c’ è molto di più di quell’antica natività che conosciamo.

I locali dove sono allestiti sono minuscoli: piccole cantine in disuso riattivate in funzione artistica e di promozione del patrimonio locale. Ne vediamo diversi, non tutti (ché bisogna tornare nei giorni natalizi per l’ evento ad hoc), ma ancora un ultimo – davvero! – spazio espositivo.

La collezione di Scheiwiller


Donata dall’artista polacca Alina Kalczyńska, sua moglie, raccoglie presepi da tutto il mondo. Ce ne sono in ebano, geometrici, in corallo, tradizionali, microscopici, tra i libri. E quelli provenienti da Cracovia: ci scappa un “Ooohhh” per la miriade di colori scintillanti che ci riempie gli occhi, e ancor più per la tecnica utilizzata… secondo voi il luccichio a cosa è dovuto?

A presto

 

Si è fatto davvero tardi e, per un attimo, mi balza l’idea di cercare una stanza per la notte (sollecitata anche dall’accoglienza ricevuta e dall’invito per la cena – è come se fossimo tra “amici ritrovati”), ma bisogna andare e far depositare le emozioni, e tornare per viverne altre, sì, perché l’Associazione Amici del MIG, che gestisce il tutto, è attivissima e rende vibrante il paese.

Periodicamente il museo organizza mostre di grafica alla tedesca, opere incise o stampate: acquaforte, linoleum, xilografia, litografia, serigrafia. E, a proposito: è in corso una mostra antologica sull’incisore Enrico Della Torre fino al 30 Ottobre. Ci vediamo tutti a Castronuovo?! 🙂

Segnalo anche le attività in vista della Pasqua: viene allestita una via crucis d’ artista e ogni anno un(‘) artista diverso/a crea una tovaglia d’ altare. V’ invito a seguire la loro pagina Facebook, diventata più attiva per sopperire alle restrizioni del lockdown proponendo opere e autori, attori della grafica del ‘900.

Mariel

Articolo di MARIEL

Un gatto nero e tanta passione per arte e letteratura. Decisamente antirazzista. “La curiosità è insubordinazione nella forma più pura” Leileith@hotmail.it

Non perderti nulla!

beneficia di offerte esclusive
ricevi tanti regali
leggi articoli in anteprima

Iscrivimi alla Newsletter

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le immagini ed i post di questo blog appartengono a www.litocinquegrana.it