Traduzione dal Daily Heller a cura di Angela Esposito

“The Art of Letters” di Kris Sowersby è un libro di 800 pagine che esamina la pratica di disegnare le lettere, considerando i caratteri tipografici come opere d’arte indipendenti. 

“In esso è mostrata l’assurda bellezza implicita nella creazione di molteplici espressioni di alfabeti già esistenti attraverso sfumature e teorie”

afferma l’editore Mark Gowing, che aggiunge:

“Sebbene un carattere tipografico sia un insieme ben ponderato di molteplici elementi, se si rimuove il contesto dei sistemi linguistici e degli alfabeti, ogni carattere può essere visto come un originale disegno astratto, come un’opera d’arte a sé stante. Questo libro ci permette di rivedere, o di vedere per la prima volta, la loro forma e funzione individuale”.

C’è della bellezza non convenzionale in questo modo unico di mostrare le singole lettere su larga scala. Per Sowersby, il proprietario della Klim Type Foundry, nativo della Nuova Zelanda, le lettere sono state create per il commercio, ma concepite per una miriade di motivi.

Il Steven Heller ha quindi intervistato Sowersby e Gowing per parlare di più del ruolo del carattere e della posizione di questo libro nelle arti tipografiche contemporanee.

arte dei caratteri tipografici

Riportiamo qui di seguito l’intervista

Cosa ti ha ispirato a creare quello che considero un libro d'arte dei caratteri?


Gowing: Penso che “libro tipografico” sia la descrizione perfetta. Personalmente sono molto interessato alla linea sottile che esiste tra arte e design e a come queste pratiche possono essere messe a confronto. Nonostante gli ovvi requisiti tecnici, trovo che il type design si basi su una ricerca incredibilmente artistica e penso che sia molto interessante discuterne in questo contesto. Questo libro è nato perché Dave Foster e io abbiamo pensato che la vasta produzione di Kris Sowersby fosse un perfetto esempio del confronto tra design e arte.

Concordate sul fatto che il vostro obbiettivo sia la bellezza dell'arte o la precisione dell'artigianato?


Gowing: Immagino che lo siano entrambi. Alcuni dei caratteri del libro sono semplicemente belle lettere, mentre altri richiamano forme più astratte che, tolti dal solito contesto tipografico, richiedono uno studio più attento.

Mark, nella prima frase della tua splendida introduzione, chiedi: "Quando un carattere tipografico non è un carattere tipografico?" È un indovinello? O una direzione verso cui il carattere è diretto?


Gowing: Mi piace pensare che sia dove va il carattere, anche se nel contesto di questo libro è inteso come un indovinello. Il libro presenta caratteri come virgole, apostrofi e punti su larga scala e fuori contesto con i loro meccanismi abituali. A volte questi glifi sembrano perdere il loro significato originale e diventano forme semplici o astratte. La stessa cosa accade anche con molte forme di lettere comuni. Questa è stata la mia ambizione maggiore quando ho concepito il libro: queste forme che conosciamo così bene vengono ricontestualizzate in modo che possano essere reinterpretate dal lettore.

arte dei caratteri tipografici

Come consumatore del carattere, dovrei essere più interessato al significato del testo o all'aspetto del testo? O è la stessa cosa?


Gowing: Domanda da un milione di dollari! Credo ad entrambi. Come designer credo molto nella sfumatura di un lavoro. Penso che una sfumatura possa portare un messaggio o un significato. Quindi, con questo bene in mente, il miglior risultato è quando l’aspetto del testo è il significato.

Ogni lettera sta da sola come una forma scultorea. Il carattere dovrebbe essere considerato la nuova scultura?


Sowersby: No, non credo. Molte cose vengono “scolpite” nel processo di creazione, ma non sono necessariamente “scultura”. Sono diffidente nei confronti della deriva terminologica da una cosa all’altra, come quelle persone che all’improvviso “curano” i loro “archivi”, ovvero fotografano le loro cose. Il carattere non è niente di nuovo, temo, è solo il solito vecchio carattere!

Gowing: No. Proprio come Kris, penso che il carattere sia solo il buon vecchio carattere: nulla è cambiato. Ma credo che dobbiamo modificare la lente culturale che sia i designer che i lettori utilizzano per visualizzarlo.

Potrebbe essere che qualcosa sembri un carattere e non essere considerata la forma di una lettera?


Sowersby: Sembra un’ottima “domanda-seme” per una rigorosa analisi filosofica. Qual è il contrario: potrebbe essere che qualcosa sia la forma di una lettera e non assomigliare a un carattere? Forse credo che le forme delle lettere e i caratteri siano troppo strettamente intrecciati da non poter essere separati; non puoi avere uno senza l’altro.

Gowing: Analisi filosofica, appunto! Personalmente creo molti caratteri che la maggior parte delle persone non considererebbe come forme di lettere. Quindi, sì, in un certo senso. Non credo che dovremmo limitarci a regole rigide e veloci. Spesso preferisco essere concettuale sulla progettazione di un carattere e lasciare che i risultati siano guidati dal processo. Non c’è crescita senza sperimentazione.

Perché sospettate ci sia una prodigiosa quantità di libri sui caratteri oggi?


Sowersby: Non sono sicuro ce ne fossero di più 10 o 20 anni fa. Se così fosse, sarebbe in linea con l’aumento delle pubblicazioni di tutti i generi. Presumo che sia perché si stanno aprendo i tradizionali percorsi dell’editoria, l’accesso ai finanziamenti e alla produzione è più facile oggi. Mark è un nuovo editore, sono sicuro ne saprà di più!

Gowing: il carattere è al centro di ciò che fa la maggior parte dei creativi e al centro dell’interazione umana. Quindi, se una persona sta per creare un libro, il carattere è spesso in cima alla sua lista. Per essere più cinici, i designer acquistano libri sui caratteri, quindi gli editori sanno che c’è un pubblico interessato.

Il tuo libro e i font di Kris hanno un valore esperienziale. Il carattere funzionale è diventato più esperienziale? 


Gowing: Personalmente, penso che il carattere funzionale debba essere inteso come più esperienziale di quanto consenta la maggior parte del design contemporaneo. Sono per una composizione neutra, ma credo che spesso il carattere abbia bisogno di esprimere il suo contenuto e fornire al lettore tono e contesto. Penso che i type designer stiano lentamente diventando sempre più propensi verso lavori più concettuali. Questa non è una novità ovviamente, ma credo stia diventando sempre più prevalente e speriamo di vedere sempre più caratteri tipografici che esprimono valori intorno a questioni sociali e culturali.

Ci sono nuovi modi di percepire la lettera romana o l'alfabeto occidentale che sfidano gli approcci convenzionali? Oppure, più semplicemente: i lettori si stanno abituando di più a leggere e/o decifrare "stili" alternativi?


Sowersby: Non credo che i lettori moderni siano più abituati a leggere nuovi stili rispetto a qualsiasi altro periodo della storia. L’elaborazione percettiva/visiva umana è sofisticata come non lo è mai stata. Basta guardare l’ampia varietà di script in tutto il mondo e nel tempo. Ci sono alcune forme piuttosto selvagge!

Sono veramente interessato a come i designer di caratteri non convenzionali, di cui Kris fa parte, affrontano la nozione di convenzione nell'era digitale.


Gowing: Sono interessato alle convenzioni solo come qualcosa che potrei scegliere di ignorare.

arte dei caratteri tipografici 4 libri

Anche noi di Lito Magazine ci siamo interessati al binomio/opposizione tra tipografia e digitale, qualcosa che lentamente sta cercando di trovare il suo equilibrio, perché la tipografia, quella classica, tradizionale, non potrà mai tramontare.

Scopri il perché in questo articolo.

Le immagini appartengono a printmag.com

Articolo di ANGELA

Traduttrice per passione, mamma a tempo pieno di Costanza e Matilde. Una creativa con la valigia in mano. Collezionista compulsiva di libri che non avrò mai il tempo di leggere. esposito_ngl@yahoo.it

Non perderti nulla!

beneficia di offerte esclusive
ricevi tanti regali
leggi articoli in anteprima

Iscrivimi alla Newsletter

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Le immagini ed i post di questo blog appartengono a www.litocinquegrana.it